Amerigo Varotti

Ricerca nel sito:

Direttore Confcommercio Pesaro e Urbino

Varotti «scenderemo in piazza se non cambierà il piano spiaggia»

«Scenderemo in piazza se il Comune darà la possibilità ai bagnini di fare i ristoratori su tutta la spiaggia». Nel suo lungo intervento davanti all’assemblea dei ristoratori, il direttore della Confcommercio Amerigo Varotti ha affrontato quattro temi sui quali la categoria ha evidenziato i maggiori malumori «per il mancato rispetto delle regole»: i ristoratori in spiaggia, agriturismi, sagre e circoli. La priorità, visto il dibattito in corso tra le parti, è andata al nuovo Piano spiaggia del Comune di Pesaro. «Le modifiche introdotte sono una follia – attacca Varotti – Gli assessori comunali nell’ultimo incontro hanno confidato che non si è in grado di controllare cosa si fa negli stabilimenti balneari. Per questo sono intenzionati a liberalizzare la somministrazione di alimenti e bevande a tutti. Potrebbe creare un precedente pericoloso, contagiando anche altri comuni balneari della provincia e del territorio regionale, e creare danni non solo economici ai ristoratori, ma anche ambientali con il rischio cementificazione. I bagnini – continua – stanno già chiedendo di aumentare le superfici dei chioschi, fare attrezzature, non lo si può fare sulla pelle di chi gestisce i ristoranti. Ma bisogna investire le risorse della tassa di soggiorno per creare eventi, abbellire il lungomare, le spiagge. C’è la volontà da parte nostra a confrontarci per valutare gli aggiustamenti. Ma il Piano spiaggia va cambiato nella parte che garantisce la ristorazione ai bagnini, altrimenti porteremo tutti in ristoratori in Piazza del Popolo». Poi la frenata sulla proposta del Sindaco Matteo Ricci di assicurare il sole: «Ci abbiamo già provato due anni fa con una compagnia di Fano collegata ad una azienda londinese,, i costi sono onerosi per gli operatori. E si creerebbero un sacco di polemiche». Il presidente dell’associazione Ristoratori Mario di Remigio è convinto che «stiamo combattendo una battaglia impari. Quest0’estate nel mio ristorante ho avuto controlli di ogni tipo, non so se in spiaggia sia stato lo stesso». Sulla questione degli “agriturismi mascherati da ristoranti” Varotti ha fornito alcuni dati sui controlli del Corpo Forestale dello Sato: «la Guardia Forestale ha elevato multe nel 50% delle strutture controllate. E nel 5% di queste strutture controllate denunciato i gestori all’autorità giudiziaria anche per frode nell’esercizio del commercio».

, , , , , ,

Leave a Reply