Amerigo Varotti

Ricerca nel sito:

Direttore Confcommercio Pesaro e Urbino

Via alle assemblee contro la tassa di soggiorno

Oggi a Urbino e domani a Pesaro. Le associazioni di categoria fanno quadrato contro la tassa di soggiorno. Confesercenti e Assoturismo hanno indetto per questo pomeriggio alle 15 un incontro nella sala Castellani del Collegio Raffaello di Urbino, con gli operatori turistici. «Le conseguenze di questo balzello sul territorio saranno pesanti per l’indotto turistico – spiega il direttore provinciale di Confesercenti Roberto Borgiani – Non è possibile che si pensi di aumentare ancora la pressione fiscale nei confronti della categoria turistica, già ampiamente penalizzata, che dovrebbe, invece, in un periodo di crisi economica, essere considerata un volano per il rilancio». Forti perplessità anche sulle modalità di utilizzo delle risorse ottenute con l’applicazione dell’impo-sta.«Come Confesercenti, inoltre, non possiamo non temere che il ricavato dell’imposta, il quale dovrebbe per legge essere dedicato esclusivamente ad opere per il settore turistico, finisca per andare a chiudere i buchi di bilancio della amministrazioni locali – conclude Borgiani – Va anche precisato, poi, che già i nostri alberghi hanno siglato i contratti per la prossima stagione e, quindi, l’eventuale introduzione della tassa andrebbe di sicuro a pesare sulle spalle degli operatori che già negli ultimi anni hanno mantenuto fermi, quando non abbassato, i prezzi delle camere».

Confcommercio invece riunisce gli operatori domani alle 16.Per Amerigo Varotti, direttore provinciale dell’associazione nonché segretario generale di Confturismo Marche Nord, l’introduzione dell’imposta «contribuirà a rendere meno competitivo il nostro mercato e servirà solamente alle amministrazioni locali, che sinora poco o nulla hanno investito per il settore, per poter disporre di nuove entrate da destinare a ripianare i deficit comunali. Proprio per questo esprimiamo la nostra netta contrarietà al nuovo balzello». Lo stesso Varotti ribadisce inoltre di non escludere l’ipotesi di una «mobilitazione di piazza».

, , , ,

Leave a Reply